Sport: 200 milioni euro per impianti in Sicilia

Con la prossima programmazione comunitaria la Regione siciliana metterà a disposizione dell'impiantistica sportiva quasi 200 milioni di euro. Lo ha annunciato, nel corso della conferenza stampa del 12 febbraio 2009 nella sede dell'assessorato regionale al Turismo, il vicepresidente della Regione siciliana Titti Bufardeci. Nel corso dell'incontro è stata siglata la convenzione che sblocca circa 3 milioni di euro che potranno essere utilizzati in conto interessi per mutui accessi con l'Istituto del Credito Sportivo, che mette a disposizione risorse per oltre 50 milioni di euro.

Imprese: aiuti Alle Commesse

Dopo l'entrata in vigore dell'articolo 7 della legge regionale, approvata per gli aiuti alle imprese, pubblicata in Gazzetta ufficiale il 23 dicembre, l'assessore regionale all'Industria, Pippo Gianni, con un sua direttiva ha attivato la norma che consente la concessione da parte dell'Irfis di finanziamenti agevolati alle imprese per le commesse. L'intervento prevede la concessione di finanziamenti agevolati commisurati al 50% dell'ammontare delle forniture e lavorazioni o acquisite o acquisende da piccole e medie imprese industriali (comprese le artigiane) operanti in Sicilia che abbiano conseguito nell'ultimo triennio un fatturato annuo non inferiore a 154.958,68 Euro. Il finanziamento è finalizzato all'anticipazione pro quota dei costi delle materie prime e del lavoro. Il finanziamento massimo erogabile per ogni impresa può arrivare fino al massimo di euro 1.291.142,00. Tale limite può essere elevato con decreto dell'assessorato regionale per l'industria. La copertura finanziaria è assicurata da un apposito fondo la cui dotazione è pari a 37 milioni di euro. Le aziende potranno rimborsare l'anticipazione concessa mediante procura all'incasso delle somme rivenienti dall'espletamento della commessa; gli interessi (trattandosi di un prestito agevolato) verranno pagati in rate semestrali e sono pari al 40% (30% per cooperative e giovani imprenditori) del tasso di riferimento fissato dalla CE maggiorato di un punto percentuale. I moduli per la presentazione delle istanze sono già disponibili presso tutte le sedi dell'Irfis e sono scaricabili anche dal sito internet dell'istituto: http://www.irfis.it/

Ricerca partner - Programma MED II call scadenza 13 marzo 2009

La Giunta dell'Andalusia ricerca partner per la 2° call del Programma MED, nell'ambito dell'Asse Prioritario 2: tutela dell'ambiente e promozione di uno sviluppo sostenibile.
L'obiettivo primario del progetto è quello di creare una rete per l'interpretazione del patrimonio geologico del Mediterraneo, con particolare attenzione ai forti legami tra la geologia, la storia e la cultura di un territorio.
Le due sponde del Mare Nostrum condividono una geodiversità ed un patrimonio geologico comune, risorse che fanno parte del suo patrimonio naturale e culturale e che acquisiscono un'importante dimensione potenziale nelle strategie di sviluppo sostenibile dell'ambiente rurale. L'evidenziazione del patrimonio geologico e della geodiversità di questi territori rappresenta di conseguenza uno strumento efficace per ottenere una serie di obiettivi:
- sottolineare l'importanza dei legami storici e culturali tra i diversi territori del Mediterraneo occidentale, tanto europeo quanto africano, attraverso degli scambi, destinati alla valorizzazione del patrimonio geologico e delle geodiversità;
- promuovere la conservazione e la protezione delle risorse naturali, ancora oggi poco considerate dalle politiche ambientali;
- fomentare lo sviluppo delle aree rurali del Mediterraneo occidentale, troppo spesso impoverite, facendo ricorso agli elementi del patrimonio naturale in maniera tale da completare l'offerta turistica - culturale associata a questi luoghi;
- incrementare la capacità di attrazione in questi territori mediante delle iniziative indirizzate al tessuto endogeno ed al miglioramento della qualità della vita delle popolazioni indigene.

Per ulteriori informazioni contattare direttamente: Luis Sarasua - José María Rosado Jerez D. G. Gestión Medio Natural Consejería de Medio Ambiente Av. Manuel Siurot, 50 41071 Sevilla Telf. 955003559. Fax 955003778 e-mail: luis.sarasua.ext@juntadeandalucia.es ,
josem.rosado@juntadeandalucia.es

Fondazione per il Sud - Linee guida 2009

Mediazione culturale, accoglienza/integrazione degli immigrati e sviluppo, qualificazione e innovazione dei servizi socio-sanitari. Con l'approvazione del "Documento Programmatico Annuale", avvenuta nel dicembre scorso, nel nuovo anno la Fondazione si propone di concentrare la propria azione sugli ultimi due ambiti di intervento ancora da attivare, focalizzando il proprio sostegno su un tema principale per ciascuno di essi, al fine di realizzare iniziative significative, esemplari e visibili.
Nello specifico, la Fondazione rivolgerà la propria attenzione su:

- la promozione dell'integrazione culturale e il sostegno alla formazione scolastica e professionale dei giovani immigrati di seconda generazione (nati in Italia o arrivati in giovane età);
- il sostegno ai disabili (incluso il disagio psichico) e agli anziani non autosufficienti, nell'ambito dello sviluppo, qualificazione e innovazione dei servizi socio-sanitari.

I bandi relativi alle due iniziative sopra indicate verranno emessi nella primavera del 2009.

La Fondazione, inoltre, promuoverà azioni selettive per dare continuità alle linee di intervento attivate nel 2007 (educazione dei giovani e sviluppo del capitale umano di eccellenza) e nel 2008 (cura e valorizzazione dei beni comuni e proposte di sviluppo locale).
In tali ambiti, la Fondazione intende operare attraverso tre azioni specifiche:
- un bando che preveda un'azione integrata di formazione di eccellenza e di tutela e valorizzazione dei beni comuni affrontando due tematiche di particolare rilevanza per il Mezzogiorno: la tutela e la gestione delle risorse idriche e il sostegno alle energie rinnovabili;
- un bando mirato a favore del contrasto alla dispersione scolastica;
- un bando aperto su proposte di sviluppo locale, non vincolato a specifici temi, che, come nel 2008, si concentrerà su circoscritte aree locali caratterizzate da maggior disagio sociale e economico, ma con una consolidata presenza dell'associazionismo.

Tali iniziative verranno pubblicate nel corso dell?estate 2009.

La Fondazione, infine, conferma l?impegno per promuovere la costituzione di Fondazioni di Comunità, attraverso il raddoppio delle risorse raccolte a patrimonio, nell?ottica di favorire uno sviluppo endogeno del Mezzogiorno. Per informazioni: www.fondazioneperilsud.it.

Internazionalizzazione

Il Ministero dello Sviluppo economico e la Regione siciliana, con azioni strategiche congiunte, si impegnano, per tre anni, a promuovere l'internazionalizzazione delle imprese e dei territori per la valorizzazione del Sistema Italia, avvalendosi della collaborazione dell'Ici (Istituto Commercio Estero). Governo regionale e centrale ritengono che un accordo programmatico tra le amministrazioni pubbliche concorre a migliorare l'efficacia e l'incisività dell'internazionalizzazione del sistema delle imprese italiane. L'intesa, estendibile ad altri soggetti pubblici e privati, definisce gli obiettivi, gli strumenti e i risultati attesi.

Questi gli obiettivi previsti dal protocollo:
- favorire progetti che rendano competitivi i beni e i servizi del Paese;
- rafforzare la presenza delle produzioni nei mercati esteri;
- razionalizzare la rete di informazione relativa agli strumenti attivabili in materia, anche attraverso il rafforzamento dello Sportello regionale per l?internazionalizzazione;
- assicurare, in coerenza con le linee generali di politica estera, un seguito operativo ad impegni istituzionali presi con autorità estere cogliendo le opportunità del partenariato;
- raccordare le attività degli enti pubblici nazionali e dei soggetti economici regionali;
- individuare le azioni più efficaci per proiettare all?estero le imprese regionali, affiancandole nelle loro attività.

Le azioni previste:
- attività promozionali
- assistenza alle imprese
- rafforzamento della rete degli Sportelli regionali per l'internazionalizzazione
- formazione
- armonizzazione di strumenti nazionali e regionali in materia
- internazionalizzazione del sistema fieristico in coerenza con la politica di sviluppo dei poli fieristici
- coordinamento delle attività promozionali all'estero e di internazionalizzazione attraverso un reciproco e tempestivo scambio di informazioni sui programmi di missioni istituzionali

Gli strumenti operativi:
- Convenzione operativa annuale con l'Istituto nazionale del commercio estero (Ice) attraverso un programma condiviso destinato, in particolare, all'innovazione, alla formazione imprenditoriale, all'attrazione degli investimenti esteri per promuovere le piccole e medie imprese;
- intese operative interregionali con l'Ice per attivare progetti condivisi dalla Regione siciliana e da da altre regioni;
- progetti finanziati con risorse aggiuntive sulla base di specifiche intese tra le due parti;
- Sviluppo e condivisione di banche dati, come la banca dati Promotion pubblica.

Politiche giovanili, 17 mln per accordo programma quadro

Accordo di programma quadro per le politiche giovanili: pronto l'avviso pubblico che mette a bando risorse per circa 17 milioni per il triennio 2007-2009 da parte dell'assessorato regionale per la Famiglia, le Politiche sociali e le Autonomie locali. Il decreto di approvazione è stato firmato dall'assessore Francesco Scoma e prevede 90 giorni di tempo - dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana - per la presentazione di progetti finalizzati a migliorare la qualità della vita dei giovani siciliani di età compresa tra i 14 e i 30 anni, così come previsto dall'Apq Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto ad agosto nella sede del ministero dello Sviluppo Economico, dall'assessore regionale per la Famiglia.

Tutti i progetti dovranno tendere a valorizzare il ruolo e l'inserimento dei giovani nella società, a sviluppare la potenzialità dei singoli, a sostenere processi di vita indipendente, ad affiancare la famiglia nelle dinamiche relazionali genitori-figli, e a creare la cultura della legalità, ell'accoglienza e della multiculturalità. I progetti dovranno avere una durata biennale o triennale.
La Regione finanzierà l'80% del costo previsto. Gli importi dei progetti non potranno superare la cifra di 1 milione di euro.

Potranno presentare progetti, tra gli altri, soggetti pubblici e privati, enti di formazione, istituti scolastici, università, distretti socio sanitari, cooperative sociali e Onlus. Per incentivare la realizzazione di progetti di rete, non è ammessa la presentazione di proposte da parte di un ente in forma singola. Il bando prevede infatti la costituzione di apposite partnership strategiche, definite col termine di 'Raggruppamenti di Enti Associati in Partnership' (Reap). Ogni Reap dovrà essere costituito, pena l'esclusione, almeno da: un ente pubblico, un'organizzazione senza scopo di lucro (costituita in data antecedente al 31 dicembre 2003); e, ancora, un'organizzazione senza scopo di lucro composta almeno per il 50% da giovani di età inferiore ai 30 anni, costituita dopo il 1 gennaio 2004. Il bando è consultabile sul sito internet dell'assessorato: www.regione.sicilia.it/famiglia.

Progetti volti alla realizzazione di asili nido comunali e micro-nido aziendali

La Regione Siciliana mira a potenziare una rete di servizi di asili nido su tutto il territorio regionale al fine di favorire lo sviluppo armonico della personalità del bambino in collaborazione con la famiglia. La scadenza di presentazione delle istanze di finanziamento è stata prorogata al 2 marzo 2009. Info: www.regione.sicilia.it/famiglia.

Imprenditoria: al via 'work angels' per microcredito alle donne

Il Protocollo d'intesa "Work angels - Incubatore Rosa", siglato tra Cisl Sicilia, coordinamento Donne Cisl Palermo, Confcommercio Palermo, Terziario Donna Confcommercio Palermo, Fideo consorzio di garanzia Fidi e Banca credito siciliano, intende favorire le esperienze di autoimpiego e microimpresa femminile per promuovere l'occupazione delle donne in Sicilia e contribuire a ridurre il divario tra il tasso di occupazione nel Sud rispetto a quello del Nord Italia.
Le parti firmatarie del protocollo offriranno supporto di tipo legale, creditizio e daranno consigli sulla modalità di presentazione della richiesta di affidamento, nel rapporto con le banche e nella stesura del business planning.
Sono beneficiarie del programma di microcredito le donne, italiane e immigrate residenti nelle province siciliane, che siano a capo di microimprese, ditte individuali, società e cooperative con non oltre 10 dipendenti (www.cislpalermo.it).

Accordo di Programma Quadro "Giovani protagonisti di sé e del territorio"

L'APQ prevede un programma pluriennale di interventi, destinato ai giovani di età compresa fra i 14 e i 30 anni, che mira a:
- promuovere la creatività giovanile per favorire un maggior protagonismo sociale;
- promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento;
- promuovere la cultura dell'accoglienza e della multiculturalità;
- sostenere le relazioni familiari intergenerazionali;
- sostenere percorsi di vita indipendente.

Prossima pubblicazione.

www.euroinfosicilia.it

Perequazione per la progettazione sociale Regione Sicilia

Il bando mira alla promozione di una migliore infrastrutturazione sociale della Regione Sicilia.
Le proposte progettuali possono riguardare le seguenti aree tematiche:
- sviluppo, qualificazione e innovazione dei servizi socio-sanitari, non in via sostitutiva dell'intervento pubblico;
- politiche per le famiglie e lotta alle povertà;
- cura e valorizzazione dei beni comuni;
- educazione dei giovani con particolare riferimento alla legalità e ai valori della convivenza civile;
- mediazione culturale e accoglienza/integrazione dei migranti.

Scadenza: 6 Marzo 2009

www.csvsicilia.org

Ance sicilia: crollo degli appalti nel 2008

Pesante crollo del mercato delle opere pubbliche in Sicilia. Secondo l'Osservatorio di Ance Sicilia sui bandi pubblicati sulle Gazzette ufficiali, nel periodo gennaio-agosto 2008, si è registrato un calo di -31,05% del numero di gare e di -47,65% degli importi posti in gara, rispetto allo stesso periodo del 2007. In generale, sono state offerte alle imprese opere pubbliche per 480,5 milioni di euro contro i 917,9 milioni di euro dei primi otto mesi del 2007, divisi su un totale di 573 gare contro le 831 dell'anno precedente.
Su questo totale va considerato che la maggior parte delle aste, 499, sono state per piccoli importi, fino a 1 milione e 250 mila euro, pari a 244 milioni, cios il 50,96% del totale. Solo 8 gare hanno superato la soglia dei 5 milioni e 150 mila euro, per 92 milioni totali.
Le imprese hanno avvertito mese per mese le conseguenze della contrazione degli importi offerti al mercato: gennaio (-14,58%), marzo (-56,97%), aprile (-63,06%), maggio (-33,73%), giugno (-64,09%), luglio (-66,12%), agosto (-62,69%). L'unico mese che ha avuto il segno positivo è stato febbraio (in prossimità della campagna elettorale) con 134 bandi (+44,09%) per 103 milioni di euro (+37,92%). La percentuale dei crolli negli importi di gara è drammatica nelle singole province: a parte l'eccezione di Agrigento (+12,37%), si evidenziano Caltanissetta (-58,56%), Catania (-6,99%), Enna (-6,83%), Messina (-19,77%), Palermo (-74,96%), Ragusa (-74,52%), Siracusa (-64,40%) e Trapani (-49,45%).
Secondo l'Ance Sicilia, la causa di questo fenomeno non è imputabile tanto ad un problema normativo, quanto ad una drastica riduzione degli investimenti delle pubbliche amministrazioni nel settore delle opere pubbliche, tendenza che sembrerebbe confermarsi nella prossima Finanziaria nazionale con un ulteriore taglio del 40% ai capitoli riguardanti le infrastrutture. Per questa ragione l'Ance Sicilia chiede al governo regionale che, in fase di predisposizione del bilancio, si tenga conto di questa situazione e si provveda in via ordinaria a liberare risorse per il settore, in attesa dell'attuazione della nuova programmazione dei fondi comunitari, statali e regionali.

Agricoltura: al via 42 mercati contadini in Sicilia

Al via in Sicilia 42 mercati contadini. E' pronta la graduatoria relativa al bando pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione dell'11 aprile scorso. L'assessorato regionale all'Agricoltura ha stanziato 1 milione di euro che serviranno per l'allestimento degli stand mobili e delle attrezzature connesse. La creazione dei cosiddetti farmer's market nasce dall'idea di promuovere la ''filiera corta'', in risposta al caro prezzi. A beneficiare dei contributi saranno i comuni, le associazioni o le unioni di comuni che hanno partecipato alla manifestazione d'interesse superando le selezioni effettuate dall'assessorato. I farmer's market garantiscono un margine di guadagno maggiore per i produttori e, dall'altro, la genuinita' di frutta e verdura per i consumatori. In questo modo si eliminano tutti i passaggi intermedi: l'agricoltore vende direttamente i propri prodotti al consumatore, con la possibilità di abbattere i prezzi di almeno il 30%.

Accordo di programma sulla Chimica, a breve l'incontro per l'attuazione

Il Presidente della Provincia di Siracusa Nicola Bono comunica di aver avuto notizia dal Ministero dello Sviluppo Economico che il richiesto incontro fra il Ministro l'Osservatorio Provinciale per la Chimica per proseguire l'iter di attuazione dell'Accordo di Programma per la Chimica, si terrà fra qualche settimana. Ciò per rendere lo stesso incontro il più operativo e decisivo possibile circa l'attuazione dell'Accordo firmato nel dicembre del 2005. "Prendo atto di questa decisione - dice il Presidente Bono - anche alla luce dell'incontro, sostanzialmente interlocutorio del 22 ottobre scorso in relazione alle tematiche riguardanti il sito di Porto Marghera. Per quanto riguarda Priolo puntiamo ad avere un incontro utile a confermare il finanziamento di 160 milioni di euro destinati dal Governo alla reindustrializzazione della nostra area petrolchimica, sia al più generale rilancio dell'accordo di programma che riteniamo strategico per la salvaguardia ed il potenziamento dei livelli produttivi ed occupazionali".